mercoledì 9 maggio 2012

è andata male

non ho altro modo per dirlo.
Solo tre parole che racchiudono dolore, delusione, rabbia. Tanta rabbia.
Dentro di me un vortice di parole, di emozioni che non riesco a tirare fuori se non con le lacrime. Ho pianto tra le braccia di mio marito. Ho pianto abbracciando il mio micione.
So già che non mi arrenderò, anche se fa tanto male.
Anche se al pensiero di dover riaffrontare tutto questo mi sento tanto tanto stanca. Ma ora avremo anche qualche mese per riposare e per stare noi due. Noi due soli.
Da domani il primo che incontro che mi dice "sei incinta?" o "quando fai un bambino" giuro che gli rispondo male. Stamattina le ultime due. Tutta questa pressione non va bene.

La cosa più brutta è che ora dovrò affrontare anche fisicamente il distacco da tutta la speranza e la fiducia delle ultime due settimane, degli ultimi mesi anzi. Perché a noi donne è dato anche questo dolore, vedere col rosso del sangue scivolare fuori di te tutto quello che desideravi da anni, tutti i tuoi desideri, i tuoi sogni, le tue speranze.
So che sopravviverò, so che ripartirò. Ora mi riposo.



15 commenti:

  1. È vero quel rosso che scivola fa male...
    Mi dispiace tanto.
    Coccolatevi e riprendete fiato

    RispondiElimina
  2. :-((( quando te la sentirai, ci sono. Capisco fin troppo bene. Un abbraccio forte. Riposati. Riposatevi e poi... si vedrà.

    RispondiElimina
  3. Mi dispiace tanto. Ti abbraccio

    RispondiElimina
  4. Ti capisco, mi dispiace.Se può aiutarti, il rosso è pur sempre sintomo di fertilità.In attesa del giorno in cui gioirai della sua assenza come segno della presenza del tuo piccolo, ti abbraccio e ti sono vicina.

    RispondiElimina
  5. non posso che unirmi al coro delle amiche sopra. Sono arrivata qua con grande speranza e ti abbraccio fortissimo. Cercate di coccolarvi.

    RispondiElimina
  6. Che dispiacere! Hai detto tutto tu e non si può aggiungere nulla. Solo che io sono con te.

    RispondiElimina
  7. E' sempre durissima, e ogni tentativo porta con se un pezzettino di noi, conosco la sensazione, la cieca disperazione, la forza della rabbia che hai dentro... le lacrime che non cessano; non posso aiutarti ma posso dirti che c'è chi ti capisce... non sei sola, ce la farai!...

    RispondiElimina
  8. Oh che dispiacere..che posso fare? un abbraccio forte forte e forte e forte virtuale...io ti pensavo oggi..

    RispondiElimina
  9. oh Frida, mi dispiace tanto :-(( stavo scrivendo ma mi e' andato il pc in crash, anche lui s'e' incazzato di brutto! Volevo dire che fai bene a riposarti ora, te lo meriti. Meno male che ci sono i micioni...Bacino

    RispondiElimina
  10. Certo che sopravviverai, e questa rabbia si trasformerà in nuova tenacia. Ogni volta sembra incredibile, ma poi succede proprio così. Ti abbraccio!

    RispondiElimina
  11. Un bacione Frida..vai al mare ad appoggiare i piedi nell'acqua e lasciar andare i brutti dispiaceri..Ogni parola detta mi sembra troppa ogni parola non detta mi sembra poco.. Ma siamo qui..Un bacionee.

    RispondiElimina
  12. capisco perfettamente il tuo dolore

    RispondiElimina
  13. Mi spiace mi spiace mi spiace da morire tesoro ;___;
    Si, ci rialziamo sempre è vero, ma ora è il momento di leccarsi le ferite e coccolarsi, elaborare il dolore e lasciarlo andare via.
    Questa è la paura più grande per quelle come noi, le fivettare.
    Diciamo di essere pronte, preparate, ma la speranza e la voglia di credere è sempre più forte di tutto il resto. E tornerà, quella fiducia, ne sono certa.
    Ti abbraccio forte, tra poco partirò anche io, ho deciso...Incognita...

    RispondiElimina